La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » Un nuovo episodio nella sceneggiata di padre Manelli (di Mario Castellano)

Un nuovo episodio nella sceneggiata di padre Manelli (di Mario Castellano)

Un nuovo episodio nella sceneggiata di padre Manelli (di Mario Castellano)

Padre Stefano Maria Manelli ha escogitato nuove mosse nella partita di scacchi ingaggiata da tempo con i Commissari Apostolici del suo Istituto e con le Autorità della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata.
Il teatro prescelto per muovere i pezzi sulla scacchiera non poteva essere migliore, naturalmente dal punto di vista del Fondatore: si tratta di Frigento, ridente località della “Verde Irpinia”, assurta ad una sorta di Avignone dei Francescani dell’Immacolata.
Come l’esilio del Papato sulle rive del Rodano venne propiziato dal Re di Francia per sottomettere al proprio diretto controllo i Successori di Pietro, così Frigento è capoluogo di una delle più agguerrite “famiglie” della Camorra, che notoriamente “fanno il tifo” per i manelliani.

Un tempo queste strutture territoriali venivano chiamate “paranze”, dal nome di una barca da pesca tipica dell’Italia Meridionale (vedi “I Malvoglia”): la nuova definizione è però più consona alla geografia fisica, essendo i simpatizzanti di Padre Manelli arroccati sulle pendici del Partenio, ancora infestate dai lupi; non a caso si usa il termine di “Lupi irpini” per designare gli abitanti di quelle contrade, oltre che – in ambito sportivo – i giocatori dell’Avellino.
Una delle caratteristiche precipue della malavita organizzata consiste nelle sue qualità mimetiche, grazie alle quali mafiosi, ‘ndranghetisti e camorristi riescono a dissimulare sotto le apparenze più svariate e più insospettabili le loro efficientissime strutture e le loro attività illegali.

Padre Manelli e due suoi collaboratori sono attualmente processati ad Avellino per falso ideologico per avere modificato irregolarmente gli Statuti delle Associazioni munite di personalità giuridica di Diritto Privato cui sono attribuite le temporalità riferite all’Istituto; i beni si trovano però tuttora nella disponibilità di alcuni laici chiamati – precisamente grazie a tale operazione truffaldina – a sostituire i Religiosi quali Legali Rappresentanti.
Il che significa che tutti i proventi vengono sempre conferiti al settore dei Francescani dell’Immacolata fedele a Padre Manelli.
Ciò spiega anche come vengano finanziate le Suore o ex Suore Francescane dell’Immacolata di Frigento.
Ogni riferimento alla Camorra non è puramente casuale.

I Francescani dell’Immacolata, o meglio il loro settore “irriducibile”, refrattario alla disciplina canonica cui invano tentano di ridurlo i “triunviri” designati a sostituire il compianto padre Fidenzio Volpi, pare avere mutuato tale abilità tattica.
Chiuso il Seminario di Sassoferrato per decisione del primo Commissario Apostolico, una parte degli studenti si disperse, per riapparire in seguito in svariate località della Penisola sempre osservando la compattezza e lo spirito di corpo tipico dei seguaci di Padre Manelli: la loro presenza venne segnalata a Ferrara, a Viterbo e ad Ascoli Piceno, mentre altri Religiosi compivano incursioni da “isolati” in altri siti.
La loro tattica ricordava la guerriglia, o meglio l’insegnamento contenuto nel famoso trattato “L’Arte della Guerra” di Sun Tzu: “Il nemico avanza, ci ritiriamo; il nemico arretra, avanziamo; il nemico è stanco, lo stuzzichiamo”.
Delle tre regole enunziate dal leggendario Generale cinese, quest’ultime era evidentemente la preferita dai “manelliani”: anche perché Don Ardito (in questo caso, pare smentita la regola “nomen, omen”), padre Calloni e padre Ghirlanda diedero fin dall’inizio palesi segnali di affaticamento, in contrasto con l’indirizzo belligerante proprio di padre Volpi.
Per mantenere la compattezza degli ex seminaristi sloggiati da Sassoferrato, si fece anche un uso sapiente delle “fake news”, anticipando l’opera di destabilizzazione intrapresa in seguito mediante tale strumento da certi Servizi Segreti: questi ragazzi non erano più studenti, data la chiusura della loro Facoltà Teologica ed il concomitante rifiuto di immatricolarsi presso le Università Pontificie dell’Urbe; né d’altronde potevano considerarsi dei Religiosi, non avendo ricevuto l’Ordinazione.

Come al tempo della spedizione dei Mille Rosolino Pilo girava per la Sicilia animando i “Picciotti” con l’annunzio dell’imminente arrivo del Generale Garibaldi, così Padre Settimio Manelli, nipote del Fondatore, batteva la Penisola annunziando che la Santa Sede avrebbe riconosciuto un fantomatico nuovo Istituto aderente ad “Ecclesia Dei”: il che avrebbe significato per gli “irriducibili” prendere i classici due piccioni con una fava, mantenendo in vita l’Istituto ed in vigenza il “Vetus Ordo”; quanto meno – per così dire – ad uso interno.
Che si trattasse di palese disinformazione risultava evidente, dal momento che in tanto un soggetto di Diritto Canonico può essere ammesso in “Ecclesia Dei” in quanto sia stato previamente espresso il “placet” della Congregazione: sul cui diniego, però, tanto il Prefetto quanto il Segretario erano stati sempre espliciti ed irremovibili.
Gli “irriducibili”, fedeli al motto “quod volimus, libenter credimus”, continuavano però a mantenersi coesi, comi i monarchici russi esiliati dopo la Rivoluzione, i quali “dormivano sulle valige”.
Le valige dovettero invece farle i “manelliani”, dato che la locazione di vari Conventi era esposta alla benevolenza di alcuni Ordinari tradizionalisti, puntualmente sostituiti allo scoccare dei settantacinque anni da Bergoglio.
Il Cardinale Bagnasco, in qualità di Presidente della Conferenza Episcopale, esortava da parte sua i Confratelli a non tutelare situazioni irregolari dal punto di vista canonico.
Pare comunque esista una rete di case private – segnatamente un appartamento situato a Roma, di proprietà di un cognato di Padre Manelli – attrezzate come “santuari” dei ribelli.
Né manca loro l’Intendenza, cui provvede tale “Beppe Ave Maria”, al secolo Giuseppe Carotenuto, un pittoresco personaggio di Portici, degno di una “sceneggiata” di Mario Merola, il quale circola esibendo una strana veste simile al talare: costui si vanta di essere in grado di rifornire contemporaneamente di vettovaglie diversi Conventi.
Nelle Filippine, un gruppo di “irriducibili” locali venne ospitato e riconosciuto quale Associazione Laicale dall’Arcivescovo di Lipa, tale Monsignor Arguelles.
Partì dall’Italia per riportarli all’obbedienza tale padre Lim, fedele al Papa, ma i ribelli – avvertiti del suo arrivo dalla loro “Intelligence” – riuscirono ad inoltrarsi a tempo nella giungla, imitando i Giapponesi ancora intenti a combattere la Seconda Guerra Mondiale.

Ora un altro coniglio è uscito dal cappello di Padre Manelli, e si scorge nell’operazione la fervida mente del suo Consigliere Giuridico, l’Avvocato Artiglieri (qui vale pienamente il principio “nomen omen”, dato il calibro delle sue sparate): le Suore o ex Suore “irriducibili”, sfuggite al controllo – in verità ancora più blando di quello vigente per il ramo maschile dell’Istituto – esercitato dalla Commissaria Apostolica, sono apparse – vestite di tutto punto come ai loro “bei tempi” – nella Chiesa di Frigento: così attesta “Il Mattino” di Napoli.
La “location” non poteva risultare migliore: il Convento è circondato da una fama sulfurea, essendo stato teatro delle misteriose morti di Frati, Suore e benefattrici laiche su cui ha indagato la Procura di Avellino, ed ospita inoltre in un apposito cimitero, allocato nella cripta della Chiesa, tanto le salme di questi malcapitati quanto quelle dei genitori del Fondatore, per i quali a suo tempo venne promosso un processo canonico in vista della Beatificazione.
In un albergo adiacente si celebravano inoltre i ludi del “Terz’Ordine” manelliano, in occasione dei quali – tra abbondanti libagioni di spumante e distribuzione di torte dolci – si manifestava la geografia “politica” dell’Istituto, con delegazioni provenienti da tutto il Meridione: i cui componenti portavano tutti rigorosamente il talare: una donna (che non era suora) si esibiva addirittura rapata e senza velo, mentre anche i bambini erano vestiti con la tonaca.
Sul Partenio operavano d’altronde a suo tempo le “brigantesse”, alle cui gesta si ricollegano le “irriducibili” di cui riferiscono le cronache: il femminismo si coniuga fecondamente con il tradizionalismo.
Le Suore o ex Suore Francescane dell’Immacolata riapparse a Frigento hanno evidentemente ottenuto – non si sa da chi – il riconoscimento quale Associazione Laicale. Il Generale De Gaulle soleva dire: “L’Intendence suivra”, ma nella fattispecie tale servizio addirittura anticipa le azioni della truppa.

http://www.farodiroma.it/un-episodio-nella-sceneggiata-padre-manelli-mario-castellano/

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: