La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » Tentato esproprio della casa di Adriana Pallotti

Tentato esproprio della casa di Adriana Pallotti

«A STEFANO MANELLI → IN NOME DI DIO, ANDATEVENE!»

18 LUG 2017 — Lettera aperta

Come molti sanno della notizia, la nostra cara e dolcissima Adriana, più che felice sole, è salita al Cielo il 22 dicembre scorso, tra la totale indifferenza di molti e la particolare incuria degli arcivescovi della Chiesa locale che l’hanno completamente abbandonata a sé stessa, Castoro e Pichierri, nonostante abbia subito pure la più acerba persecuzione da parte della sua stessa Amm. di Sostegno: Rosa Merla. Inadempiente sino alla fine [Vedi → Lettera al Giudice Tutelare], quest’ultima viene tuttora coordinata insieme al maresciallo Vincenzo Pugliese dal sig. Stefano Manelli, per i gravi motivi che già conoscete. Quest’anno avrebbe compiuto cent’anni. Cionondimeno, però, sta facendo più rumore da “morta” che da viva, proprio come il suo direttore spirituale: Padre Pio. Per continuare da lassù insieme a tutti gli Angeli e Santi la santa battaglia contro gli spiriti del male e le loro immonde nefandezze della terra.

Non è lecito possedere dei beni altrui con l’usurpazione, ossia senza alcun “genuinus” e “regalis” diritto di proprietà.

«Se vuoi entrare nella vita eterna osserva i Comandamenti». (Mt 19,16-17)
5) Non uccidere.
6) Non commettere atti impuri.
7) Non rubare.
8) Non dire falsa testimonianza.
10) Non desiderare la roba d’altri.

Nel diritto italiano, la truffa è l’ottenimento di un vantaggio a scapito di un altro soggetto indotto in errore attraverso artifici e raggiri. Mentre il falso ideologico è la menzogna contenuta in un documento che annulla la veridicità dell’atto.

“L’Umanità attuale si è abituata a non chiamare le cose con il loro nome o a occultare quello che le risulta sgradevole. Si può dissimulare ciò che risulta sgradevole in due modi: nascondendo la verità o fabbricando menzogne.” (Padre Alfonso Gálvez)

Gli stessi autori del “Sequestro Adriana Pallotti” compiuto nel 2015 per creare un corridoio a quell’infelice signore di Frigento, Stefano Manelli, a colui che l’ha raggirata per permettere di intrufolarsi indegnamente nella Casa della Divina Volontà, sono tornati di nuovo alla carica il 21 giugno u.s. Forzando però l’ingresso principale con violenza allarmante e voce rabbiosa: a “colpi di mazza”. Tentando, invano, di strappare al sottoscritto il possesso della sua abitazione. Violando ancora una volta ogni regola e procedura legale.

Ecco il punto. La Casa di Preghiera per il Regno della Divina Volontà è stata nuovamente presa di mira da un attacco frontale, «violentissimo», da parte di chi brama la roba d’altri, «Stefano Manelli». Per mezzo dei suoi più vili e ostinati strumenti d’azione: Rosa Merla, il maresciallo Pugliese ed il tenente Matteo Gravina. In molti erano tra Forze dell’Ordine e Polizia Municipale. Come belve inferocite, hanno agito e sfondato i cancelli, minacciato l’avente diritto sino all’arresto, con intimidazione anche fisica poi, presso il comando dei carabinieri, perché ritenuto un abusivo, sebbene sia “l’erede universale” di Adriana Pallotti.
Per fortuna in diversi hanno assistito, attoniti, all’indecoroso spettacolo prodotto dalla loro ennesima vergogna. Che schifo! La Casa, tra l’altro, si trova proprio sotto al muro di cinta del convento di San Pio, innanzi alla nuova e svettante croce. Ciononostante però, a San Giovanni Rotondo, nessuna vera voce “cattolica” s’è pronunciata, autorevole. L’unico a prendere le sue strenue difese, della Casa della Divina Volontà, è stato proprio il Cielo, addirittura, che ha tuonato con fulmini e saette scagliati giusto su tal croce, come mai accaduto prima. Vi è rimasto persino il segno, il sigillo di questa vergogna. Un avvertimento!
Dice Gesù a Luisa Piccarreta: “Quando un bene si possiede con diritto di proprietà, nessuna legge, né umana, né divina, può con modi «legittimi» togliere i beni che si posseggono.” L’eredità ricevuta.

Scaltro e “demagogos”. Quell’irpino travestito da frate che riesce ancora, suo malgrado, a darla a bere è infaticabile in tutto ciò. Stolti! Forse che non ci sia nulla di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto? O ciò che avremo detto nelle tenebre all’orecchio, nelle stanze più interne, non sarà udito in piena luce e annunziato sui tetti? (Cfr. Lc 12, 2-3)

Non sappiamo se la giustizia umana riuscirà ad emettere il suo verdetto di condanna. Tuttavia, però, abbiamo la certezza della: condanna di Dio. Essa, che è già in atto, pesa come una macina da asino sulla coscienza di chi, ritenendo di agire impunemente, è in peccato mortale e continua a ‘sfidare’ la Divina Volontà, mettendosi fuori dalla grazia di Dio.
Il “ 2 NOVEMBRE 2017 ”, nel centenario delle apparizioni della Madonna di Fatima, scatta il giudizio su Stefano Manelli. Esattamente dopo due anni dall’avvio dell’indagine della Procura di Avellino, aperta a seguito del lancio della nostra Petizione bomba. Povertà, castità e obbedienza. Si legge sulla stampa ufficiale (qui): “Nell’inchiesta affidata alla Finanza, scandali a sfondo sessuale e testimonianze di ex-suore sulle devianze di Manelli descritto come un guru. Trenta milioni di euro, fra beni mobili e immobili, sarebbero stati sottratti alla Congregazione e trasferiti a soggetti non legittimati.” “Oltre agli abusi emergono infiltrazioni della camorra.” Traffici di droga. Inoltre, viene riportato che alcuni religiosi sono protagonisti di una vicenda criminale:
“Padre Fidenzio Volpi era sul punto di scoprire il meccanismo finanziario costituito dalla camorra intorno all’Istituto, ma dall’altro lato – proprio in quel momento – veniva abbandonato a sé stesso, ed anzi osteggiato, da quella stessa Autorità che lo aveva nominato, e che avrebbe dovuto sostenerlo. Sul presunto, conseguente omicidio di Padre Fidenzio Volpi […] posso affermare che il mandante fu la malavita organizzata, mentre il sicario va ricercato nelle fila dei tradizionalisti fanatici. E qui arriviamo al peccato più grave, ed al più grave dei delitti, l’omicidio.” (qui).

«Il “Cervello” inventore dell’operazione cadde in una grossolana ingenuità non acquisendo e non includendo nel verbale (redatto tra l’altro con Atto Notarile) il necessario preventivo assenso all’operazione espresso dal Superiore Generale: la classica “buccia di banana” per gli attuali imputati, che conferma la saggezza popolare, secondo cui “la gatta frettolosa fece i gattini ciechi”.» (qui).

Egli, tal ripugnante impostore, ammantato di celeste santità, di santo ha solo quel Dio che lo attende in giudizio. Anime senza scrupoli. Figli dell’unico padre di tutte le menzogne: Satana. Sul loro capo pendono i fulmini della Divina Giustizia.
Trovando di fronte una ferma resistenza, cattolica e adeguata, pieni di livore, loro malgrado, non sono affatto riusciti a portare a segno il colpo preparato sin dalla morte di Adriana. Sono alquanto impressionato delle infinite e benefiche “risorse” di questa Casa super protetta da Dio e benedetta anche da Padre Pio. È davvero una fortezza inespugnabile contro i suoi nemici. Benedetti coloro che varcando l’ingresso ne sono stati degni. Maledetti tutti gli altri, operatori d’iniquità.

«La parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio». (Eb 4,12) Qualcuno di voi ha mai letto con attenzione il passo del profeta Isaia che tratta del castigo, ovvero della morte improvvisa ed infausta del re d’Assiria, Sennàcherib? Un empio tiranno che assediava e sterminava con la forza del suo potere umano tutti quei popoli che a lui si opponevano, che non si fossero arresi e sottomessi. Poiché il re d’Assiria e i suoi servitori avevano oltraggiato l’Iddio d’Israele, ecco, è caduto per mano dei suoi stessi figli, a fil di spada!

“Pertanto dice il Signore contro il re di Assiria:
Non entrerà in questa città
né vi lancerà una freccia,
non l’affronterà con gli scudi
né innalzerà contro di essa un terrapieno.
Ritornerà per la strada per cui è venuto;
non entrerà in questa città.
Oracolo del Signore:
Io proteggerò questa città e la salverò,
per riguardo a me stesso e al mio servo Davide.

Ora l’angelo del Signore scese e percosse nell’accampamento degli Assiri centottantacinquemila uomini. Quando i superstiti si alzarono al mattino, ecco erano tutti cadaveri.
Sennàcherib re di Assiria levò le tende e partì; tornato a Ninive, rimase colà.
Ora, mentre egli era prostrato in venerazione nel tempio di Nisrok suo dio, i suoi figli AdramMèlech e Zarèzer lo uccisero di spada, mettendosi quindi al sicuro nel paese di Araràt. Assarhàddon suo figlio regnò al suo posto.“ (Isaia 37, 33-38)

Dunque, infine, anziché scegliere la strada della polemica o della contrapposizione, imbocco piuttosto quella del suggerimento propositivo.
Al fondatore dell’Ordine dei F.I. dico, in nome di Dio, per il bene della sua anima e di coloro che sono coinvolti a causa del suo ostinato umano volere, che si fermi e faccia un passo indietro verso la conversione. Il santo timor di Dio. Prima che sia troppo tardi! Ecco! Il coraggio e l’amore alla verità hanno preso il sopravvento sulla paura e la debolezza umana. La sete di giustizia.

FIAT VOLUNTAS TUA
Luciano Mirigliano
_______________
P.S. Davvero siamo giunti all’epilogo di molte ingiustizie ed empietà. Esso riguarda non solo
gli empi di questa triste vicenda. Chi ha orecchi, ascolti.

Scarica l’originale qui e su Gloria tv

https://drive.google.com/file/d/0B5PwCOPisixISDB5NkFYQzBqMUk/view

https://gloria.tv/article/QKHsWA43zVop1vpn9LkTXVY6g

Firmate la Petizione

https://www.change.org/p/papa-francesco-chiedo-a-padre-manelli-la-restituzione-immediata-del-maltolto/u/20846008

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: