La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » PAPA: QUANDO I FONDATORI SONO ABUSATORI E RESTAURAZIONISTI

PAPA: QUANDO I FONDATORI SONO ABUSATORI E RESTAURAZIONISTI

maciel_manelli

La pedofilia va combattuta nella Chiesa anche con la prevenzione. “Attenzione a ricevere in formazione candidati alla vita religiosa senza accertarsi bene della loro adeguata maturità affettiva. Per esempio: mai ricevere nella vita religiosa o in una diocesi candidati che sono stati respinti da un altro seminario o Istituto senza chiedere informazioni molto chiare e dettagliate sulle motivazioni dell’allontanamento”.

A lanciare questo monito è Papa Francesco che affronta anche il tema degli abusi sessuali compiuti da ecclesiastici nel colloquio con i 140 Superiori Generali di Ordini e Congregazioni religiose maschili, svoltosi il 25 novembre 2016 nell’Aula Paolo VI, trascritto e pubblicato da padre Antonio Spadaro sul numero 4mila della Civiltà Cattolica (anticipato in parte dal Corriere della Sera) per il numero 4000 della Civiltà Cattolica.

“Se sono coinvolti religiosi, è chiaro che è in azione la presenza del diavolo che rovina l’opera di Gesù tramite colui che doveva annunciare Gesù. Ma parliamoci chiaro: questa è una malattia. Se non siamo convinti che questa è una malattia, non si potrà risolvere bene il problema”, spiega Francesco che ricorda un dato molto inquietante “circa gli abusi sessuali: pare che su 4 persone che abusano, 2 siano state abusate a loro volta. Si semina l’abuso nel futuro: è devastante”.

“Personalmente – confida – ho molto a cuore il tema del discernimento. Il discernimento accomuna la questione della formazione dei giovani alla vita: di tutti i giovani, e in particolare, a maggior ragione, anche dei seminaristi e dei futuri pastori. Perché la formazione e l’accompagnamento al sacerdozio ha bisogno del discernimento. Al momento è uno dei problemi più grandi che abbiamo nella formazione sacerdotale. Nella formazione siamo abituati alle formule, ai bianchi e ai neri, ma non ai grigi della vita. E ciò che conta è la vita, non le formule. Dobbiamo crescere nel discernimento”.

Secondo Francesco, “la logica del bianco e nero può portare all’astrazione casuistica. Invece il discernimento è andare avanti nel grigio della vita secondo la volontà di Dio. E la volontà di Dio si cerca secondo la vera dottrina del Vangelo e non nel fissismo di una dottrina astratta”. Nella conversazione aperta tra Papa Francesco e i superiori generali degli istituti religiosi è affrontato il dramma della pedofilia all’interno di istituti, a partire da un dato di cronaca molto doloroso: i più promettenti tra i nuovi istituti, ad esempio i Legionari di Cristo e i Francescani dell’Immacolata, che il Papa non ha nominato esplicitamente, hanno visto i loro fondatori, padre Maciel e padre Manelli (nella foto), commissariati dal Vaticano a causa di numerosi abusi e altri reati da loro commessi.

“A volte – ha detto infatti il Papa – si scopre persino che dietro c’erano cose scandalose. Ci sono piccole fondazioni nuove che sono davvero buone e che fanno sul serio. Vedo che dietro queste buone fondazioni ci sono a volte anche gruppi di vescovi che accompagnano e garantiscono la loro crescita. Però ce ne sono altre che nascono non da un carisma dello Spirito Santo, ma da un carisma umano, da una persona carismatica che attira per le sue doti umane di fascinazione. Alcune sono, potrei dire, ‘restaurazioniste’: esse sembrano dare sicurezza e invece danno solo rigidità. Quando mi dicono che c’è una Congregazione che attira tante vocazioni, lo confesso, io mi preoccupo. Lo Spirito non funziona con la logica del successo umano: ha un altro modo. Ma mi dicono: ci sono tanti giovani decisi a tutto, che pregano tanto, che sono fedelissimi. E io mi dico: ‘Benissimo: vedremo se è il Signore!’. Alcuni poi sono pelagiani: vogliono tornare all’ascesi, fanno penitenze, sembrano soldati pronti a tutto per la difesa della fede e di buoni costumi? E poi scoppia lo scandalo del fondatore o della fondatrice. Noi sappiamo, vero? Lo stile di Gesù è un altro. Lo Spirito Santo ha fatto rumore il giorno della Pentecoste: era all’inizio. Ma di solito non fa tanto rumore, porta la croce. Lo Spirito Santo non è trionfalista”.

“Lo stile di Dio – ha concluso Francesco – è la croce che si porta avanti fino a che il Signore non dice ‘basta’. Il trionfalismo non va bene d’accordo con la vita consacrata. Dunque, non mettete la speranza nel fiorire improvviso e massiccio di questi Istituti. Cercate invece l’umile cammino di Gesù, quello della testimonianza evangelica. Benedetto XVI ce lo ha detto molto bene: la Chiesa non cresce per proselitismo, ma per attrazione”.

http://www.farodiroma.it/2017/02/09/papa-fondatori-abusatori-restaurazionisti/

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: