La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » FARODIROMA: I FRANCESCANI DELL’IMMACOLATA FERITI SONO TRA GLI ACCUSATORI DI PADRE MANELLI, IL BOIA DI FRIGENTO

FARODIROMA: I FRANCESCANI DELL’IMMACOLATA FERITI SONO TRA GLI ACCUSATORI DI PADRE MANELLI, IL BOIA DI FRIGENTO

2017-01-08_174250

Padre Angelo Gaeta e padre Adolfo Ralph, feriti a Santa Maria Maggiore, sono tra gli “accusatori” di padre Stefano Manelli (nella foto) il fondatore dei Francescani dell’Immacolata esautorato nel 2013 da Papa Francesco a causa di presunti abusi di potere, di gestione economica e anche sessuali. Lo scrive l’AGI.

Nell’inchiesta vaticana emersero molte circostanze che sono successivamente diventate oggetto di indagini della Procura di Avellino, in quanto la maggior parte dei fatti avvenne a Frigento e per questo il nostro quotidiano online lo ha definito il “boia di Frigento”. Alcuni reati risultarono poi prescritti. Tra l’altro nel dossier ci sono due morti le cui cause non sono state ancora chiarite: quella di un frate filippino e quella dello stesso commissario inviato dalla Santa Sede, padre Fidenzio Volpi che fu oggetto di una pesantissima campagna mediatica per delegittimarne l’azione di risanamento dell’istituto voluta dal Papa.

Un anno e mezzo fa erano partite le indagini della Procura di Avellino che grazie al lavoro della Guardia di Finanza aveva compiuto sequestri nel marzo 2015 di 30 milioni di euro di proprietà delle due società. Si tratta di 59 fabbricati, 17 terreni, un impianto radio-tv, 5 impianti fotovoltaici dislocati su tutto il territorio nazionale, 102 autovetture, più saldi giacenti su numerosi rapporti di natura finanziaria. Beni sulla cui liceità di acquisizione e gestione pesa il dubbio degli inquirenti che ipotizzano i reati di truffa e falso ideologico.

Nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari, notificato agli indagati nel luglio scorso si parlava del “disegno criminoso con più azioni commesse anche in tempi diversi in violazione di più norme di legge”. Un disegno che sarebbe stato attuato per sottrarre beni all’Istituto religioso che ha sede a Frigento, in via Piano della Croce, in quel convento intorno a cui si sono concentrate anche altre indagini.

Padre Manelli fu individuato dalla Procura come “istigatore e determinatore dell’attività dei correi”, ossia come l’orchestratore della truffa. Risulterebbero invece prescritte (perché riguardano fatti avvenuti prima del 2009 e che prevedono pene non superiori ai 6 anni di detenzione) le accuse per gli abusi sessuali e maltrattamenti subiti da alcune suore in diversi conventi dell’Istituto commissariato dalla Santa Sede nel 2013, reati per i quali l’83enne padre Manelli, nato a Fiume, era stato iscritto nel registro degli indagati dal pm Adriano Del Bene.

http://www.farodiroma.it/2017/01/08/i-francescani-dellimmacolata-feriti-sono-tra-gli-accusatori-di-padre-manelli-il-boia-di-frigento/

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: