La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » FINE DELLE VIOLAZIONI ALLA REGOLA DI SAN FRANCESCO

FINE DELLE VIOLAZIONI ALLA REGOLA DI SAN FRANCESCO

11214306_10208137109574687_3245876195890575256_n

Il MATTINO DI AVELLINO Pagina 34 del 24 novembre 2015

Frigento. L’indagine sui Frati francescani

Loredana Zarrella

Frigento. Un ritorno quasi in sordina nella casa madre dei Frati Francescani dell’Immacolata, dopo la lunga permanenza nel convento di suore a San Giovanni Rotondo.È stato questo il rientro di Padre Stefano Maria Manelli a Frigento, nella frazione Pagliara, dove il Santuario della Madonna del Buon Consiglio è un tutt’uno con il convento dove abitano i Frati dall’abito grigio-celeste.

Nessuno fino a ieri si era accorto della sua presenza. Solo voci che si rincorrevano di casa in casa e che hanno portato pure il furgone della Rai davanti il piazzale del complesso religioso, per una trasmissione durante il programma «La vita in diretta». Dopotutto, avendo celebrato finora la messa soltanto in privato, solo qualcuno aveva potuto sapere, per averlo magari intravisto.

Padre Stefano è tornato lo scorso sabato mattina accompagnato da uno dei nuovi commissari dell’Ordine, che è poi andato via già in serata, lasciando il Fondatore dell’Ordine dei Francescani dell’Immacolata alla sua nuova dimora.

Era da tempo che i suoi Superiori richiedevano l’allontanamento da S.Giovanni Rotondo, dove non avrebbe potuto dimorare perché in aperta violazione della Regola di San Francesco secondo cui «i frati non devono entrare nel convento delle monache».

Così, dopo l’ennesimo rifiuto ad abbandonare il convento femminile per motivi di salute, Padre Manelli ha dovuto obbedire e tornare a Frigento, di certo più distante dalla «Casa Sollievo della Sofferenza» di Padre Pio, dove si recherebbe abitualmente per curarsi.

Frigento è un luogo troppo freddo per lui, che ha 82 anni, e che aveva chiesto di restare a San Giovanni Rotondo perché aveva l’ospedale vicino» ha detto ieri pomeriggio, a “La vita in diretta”, il programma di RaiUno, l’avvocato Enrico Tuccillo, che continua con forza a difendere, attraverso le vie legali e i media, il fondatore dell’Ordine commissariato dalla Santa Sede.

Intanto, a Frigento, Padre Manelli verrà ora accudito dai frati. I commissari – il salesiano don Sabino Ardito, il gesuita padre Gianfranco Ghirlanda e il cappuccino padre Carlo Calloni – gli avrebbero pure imposto il divieto di ricevere visite all’interno del convento, se non quelle dei suoi familiari. Non a caso, i festeggiamenti per il suo 60esimo sacerdozio sono stati ridimensionati drasticamente. Gli amici avevano organizzato per domenica scorsa, a mezzogiorno, una messa di accoglienza e benvenuto, e un pranzo, con tanto di persone che sarebbero dovute accorrere da fuori provincia con dei pullman. Festosi e grandiosi preparativi bloccati, però, dal commissario che ha consentito solo una messa a porte chiuse, e solo per amici e parenti.

Annunci

5 commenti

  1. maria ha detto:

    Per fortuna che il commissario ha bloccato i festeggiameti in onore del santone……..Io al posto di Manelli non avrei mai scelto Frigento intervenga l’Arcivescovo Della Diocesi a frenare i pellegrinaggi e a far togliere per tutto il rispetto dei defunti i genitori per farli riposare come tutte le persone normali al camposanto.L’avvocato Tuccillo non ha niente da difendere che mandasse una sua figlia in convento…………Manelli si faccia un esame di coscienza e chieda la sospensione a divinis……..Fa ancora in tempo.

    Mi piace

  2. maria ha detto:

    Dimenticavo di dire al Manelli che invece di pensare alla salute del corpo,pensasse all’anima che sta con il demonio.Poi sono due frati ad assisterlo perche’? IO LO MANDEREI AI LAVORI FORZATI………………………

    Mi piace

  3. laiciffi ha detto:

    Lavori forzati magari no. In carcere si, non dice sempre che vuole la povertà, il silenzio e la preghiera? Starebbe benissimo…….

    Mi piace

  4. maria ha detto:

    Hai ragione ci vorrebbe il carcere, ma ha comprato anche l’inferno………altrimenti non arrivava di nuovo a Frigento…………….Deve intervenire il Vaticano in quanto il commissario lo sta agevolando……………..

    Mi piace

  5. maria ha detto:

    Ma quale poverta’ non capisco per quale motivo sia rientrato a Frigento………

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: