La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » LA NEGAZIONE DELL’EVIDENZA

LA NEGAZIONE DELL’EVIDENZA

susanna

Fino a quando può durare la difesa a oltranza dell’indifendibile?

Fino a quando si possono coprire decenni di abusi nel chiostro?

Perché illudersi sparando sui cadaveri, demolendo le macerie e non capire che “la guerra”, una volta persa, è ormai finita? 

 

Negli anni ’70 in Indonesia e nelle foreste delle Filippine c’erano dei soldati giapponesi nascosti che credevano che la Seconda Guerra Mondiale non fosse ancora finita.

Può sembrare pura follia, ma questi militari fedeli al rigido codice etico del Bushidō, che considerava profondamente disonorevole la resa al nemico, ritennero impensabile che l’Impero del Sol Levante si fosse arreso, arrivando a considerare come propaganda le varie comunicazioni che annunciavano la fine della guerra; altri, tagliati fuori dalle loro unità dopo le offensive degli Alleati, semplicemente non vennero mai a conoscenza della fine del conflitto, o, se ne vennero a conoscenza, scelsero di non rientrare in patria. Molti di loro continuarono ad attuare azioni di guerriglia contro l’esercito statunitense o contro altre forze locali (in particolare, l’esercito e le forze di polizia delle Filippine), ma altri scelsero di restare nascosti in zone inaccessibili o in appositi rifugi.

Si tratta di dinamiche psicologiche individuali o di gruppo alle quali stiamo assistendo in questi giorni nei quali le lunghe giornate di sole sembrano fare luce sulle tenebre che avvolgevano la vicenda dei Francescani dell’Immacolata.

Un episodio curioso di resistenza a oltranza nella difesa del Padre Manelli è ad esempio un anonimo post del 25 giugno 2015 pubblicato sul blog privato denominato “Libertà e Persona”.

Nell’assoluto rispetto della libertà di espressione e della dignità della persona ci permettiamo di criticarlo, forti del principio di reciprocità quale elemento di giustizia e di pace.

Ognuno ha il diritto di esprimere la propria opinione e non essere offeso dal reato di violenza privata.

L’esordio è davvero infelice poiché attacca indebitamente sia il defunto Padre Fidenzio Volpi, gloriosamente “caduto” nell’adempimento del dovere, sia dei frati qualificati come appartenenti a un “piccolo gruppo di ribelli”.

Non viene specificato il loro presunto esiguo numero, né il soggetto al quale si sarebbero ribellati.

Siamo certi, tuttavia, che sono fedeli al Papa, alla Chiesa e ai loro legittimi superiori; è quanto basta per essere dei religiosi obbedienti.

L’anonimo scrive che “i frati, ormai, sono stati distrutti con incriminazioni vaghe e indefinite, che hanno perso via via consistenza nel corso del tempo”.

In verità le accuse, almeno quelle della vera stampa, riguardano esclusivamente Padre Stefano Manelli.

Non entriamo nel merito del giudizio, ma lasciamo la Magistratura e la Chiesa fare il proprio dovere.

I fatti finora non depongono certo a favore del Fondatore.

Con il dovuto garantismo da parte nostra, Padre Manelli dovrà comunque giustificare ai giudici delle varie sedi: penale, civile, ecclesiastica, alcune sue responsabilità.

Inutile l’uso della vile cortina fumogena contro padre Volpi riesumando la questione dell’infelice mediazione con la famiglia Manelli su una presunta diffamazione ai loro danni.

Su questo inoriginale accadimento, in modo ampio e documentato, già ne parlammo all’epoca dei fatti (qui )

(qui

e rimandiamo i nostri lettori all’approfondimento.

Padre Manelli dovrà invece rispondere di alcune sue azioni quali l’immobilizzo e la gestione di un patrimonio da 30 milioni di euro, un flusso annuo di cospicua quantità di denaro, l’appropriazione e tentato sfratto ai danni di una nonnina nonuagenaria di San Giovanni Rotondo dopo la firma dell’atto di donazione del suo immobile, la diversa finalità e il cambio dei componenti delle Associazioni da lui volute per la gestione dei beni dell’Istituto che oggi sono sotto sequestro cautelativo… Ci fermiamo qui per non dilungarci.

In alcuni casi il venerando sacerdote non appare direttamente, è vero, ma la costante dinamica procedurale e le ingenue testimonianze dei soggetti interessati alle azioni, inducono a pensare che sia la mente organizzativa.

Esistono tuttavia altri fatti – suffragati da decine di testimonianze – nei quali Padre Manelli è direttamente ed esclusivamente coinvolto.

Tutto è da verificare, ma l’arco temporale largo e la diversità anagrafica e di origine topografica dei soggetti che gli hanno puntato il dito d’accusa fornendo dettagli convincenti, gli attribuiscono comportamenti moralmente indecenti.

Le Suore non sono “un nuovo privilegiato bersaglio” della stampa professionale e nazionale, ma le VITTIME di una situazione consumata e abusata.

Oltre agli atti di libidine per alcune, specie negli anni Novanta, le vessazioni di cui sono state oggetto in tempi più recenti non sono forse riconducibili personalmente al padre Manelli, ma sicuramente di sua conoscenza e attribuibili a quel piccolo gruppo di eterne Superiore prive di umanità, maternità e preparazione, promosse a un ruolo sociale che si sono cucito addosso in base alla loro indiscussa “fedeltà al Fondatore”.

Il genitore di una figlia offerta a Dio, dalla quale sa di non poter avere nipotini, piange lacrime amare miste a rabbia sanguigna nello scoprire che una persona reputata “santa” profitti della sua autorevolezza e della sua presunta impunità per toccarle parti intime o indurla a formulare voti di vittima e patti di omertà vergati a sangue.

L’opinione pubblica è indignata e invoca giustizia.

Il Libro 13 di Daniele ci parla di Susanna, sposa affettuosa ed irreprensibile di Joachim, come di Gesù sono spose tutte le consacrate e le Suore Francescane dell’Immacolata.

Due anziani magistrati si erano invaghiti di Susanna e architettarono lo sporco ricatto dell’accusa di adulterio con un fantomatico giovane qualora la casta giovane non avesse accondisceso alle loro pulsioni libidinose.

Si dicevano: « Chi le crederà? Siamo due rispettabili e insospettabili anziani! » 

Susanna preferì essere ingiustamente accusata e condannata alla lapidazione pur di non tradire il bravo marito.

A questo punto però la Bibbia ci racconta dell’irruzione nella scena di un giovinetto chiamato Daniele che significa dall’ebraico: “Dio è  il mio giudice”.

Interrogando separatamente i due libidinosi, Daniele smascherò la loro menzogna e i due vecchioni vennero condannati a morte secondo la legge di Mosè. 

Susanna salvò il suo onore, la sua dignità e la vita.

Vengono le lacrime agli occhi nel pensare alle tante giovani vite « rovinate” da padre Manelli: frati, suore, intere famiglie…

Riesce male la testimonianza dell’Anonimo blogghista che considera “virtù” la richiesta di cibo di un certo Padre Serafino alle cucine degli hotel fiorentini a cinque stelle nei pressi di Ognissanti che lui chiama « bar » .

Che nelle comunità che vivono poveramente si possano consumare cibi appena scaduti  non dovrebbe scandalizzare più di tanto, ma il problema sorge quando ci sono i danni sulla salute di alcune suore, magari celiache, così come quando c’è l’avido approvvigionamento di  sacchi di liofilizzati scaduti da anni o l’accumulo di riserve a quintali di ceci e fagioli in funzione di una profezia su “attacchi nucleari” o “asteroidi in rotta di collisione sulla terra” rivelata da padre Manelli.

Il luogo privilegiato per tali rivelazioni era sempre il refettorio o il ristorante quando partecipava a qualche pellegrinaggio a Fatima o in Terra Santa del quale, per decenni, diceva sempre: “è l’ultimo”.

Si racconta dello stuolo di familiari e figlie spirituali che si commuovevano, disposte ad offrirsi vittime, a tributargli centinaia di « rosari » purché continuasse a viaggiare e… a riempire pullman e aerei per gli organizzatori.

Chiedere per credere.

Quanto ai cibi il problema sussiste a partire dal momento in cui sugli yogurt c’è la muffa, le scatole di pelati esplodono per la saturazione dei gas da putrefazione, mentre per il padre Manelli, il solito benefattore di turno, procura e magari prepara cibi di prima scelta e succulente leccornie.

Unonesta ospite dei conventi di suore sicuramente può testimoniare quanto esposto, così come qualche ospite dei frati può e deve confermare della “dieta speciale” di Padre Manelli, l’unico ammalato che da sempre aveva diritto a un trattamento di riguardo.

L’Anonimo del post continua: “Povertà, obbedienza, rinuncia a tv, beni e comodità varie… non sono facili da sopportare a lungo, senza una intensa vita spirituale”.

Ci chiediamo quale fosse nel passato e quale sia in questo momento la povertà, l’obbedienza, lo spirito di rinuncia (sic) di padre Manelli.

Cosa intende come « intensa vita spirituale? » 

Chi è il confessore e l’accompagnatore spirituale (se esiste) di padre Manelli?

Non era per lui impensabile avere denaro in cassa, conti correnti bancari (indipendentemente dal saldo), fare vacanze…?

Ovvio che le accuse c’erano sempre state e non stupiscono per chi lo conosce sufficientemente bene.

L’impostazione teologica, anzi ideologica di Padre Manelli non c’entra nulla con il dissenso e le accuse nei suoi confronti; sono fatti suoi e di chi lo seguiva dall’interno del convento.

Le famiglie piuttosto sono rimaste per troppo tempo ignare di cosa succedeva alle loro figlie e del perché, una volta rientrate in casa, abbandonato l’Ordine per disperazione, erano traumatizzate, avevano paura di parlare e di confidarsi persino con i genitori, incapaci – a distanza di anni – di stabilire una relazione serena anche col marito o di vivere in pace in un altro Istituto religioso…

Troppi fantasmi continuano ad inseguirle, tristi ricordi, scrupoli, forse ricatti da compromettenti compromessi, in una giovane vita sacrificata al “vitellone d’oro”.

Chi è rimasta dentro, come i « soldati invisibili » giapponesi, è totalmente all’oscuro di quello che succede fuori, privata pretestuosamente da ogni canale d’informazione che non sia la “propaganda politica” della sua superiora e l’induzione al vittimismo contro una Chiesa descritta come matrigna, un mondo cattivo e minaccioso e dei genitori sciagurati per la salvezza dei quali bisogna offrire le sofferenze del convento.

Ha la sensazione che « qualcosa non va », ma non ha il tempo, non ha gli strumenti per un corretto discernimento. Serrati sono i ritmi e gli orari di vita comunitaria. Mai adeguato spazio personale. Si fa di tutto per non lasciare pensare; si è sempre stanche, apatiche, insoddisfatte fino al crollo totale, la dispensa da alcuni atti comunitari, il tentativo di recupero e poi la spedizione a casa, quando incombe per le Superiore lo spettro del ricovero in psichiatria.
 
« Non raccontare nulla fuori se vuoi che ti facciamo uscire; i “modernisti”  ci vogliono distruggere… Solo noi abbiamo le vocazioni! Gli altri Istituti sono rilassati, sono invidiosi di noi… Se parli ne porterai tu la colpa… ».

Qui la durezza della Regola non c’entra nulla.

Il problema è la mollezza personale di chi ha fatto certe regole imponendo l’osservanza agli altri e non a se stesso.

In una sola parola: ipocrisia.

Miserere nobis.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: