La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » UN ARTICOLO RIDICOLO

UN ARTICOLO RIDICOLO

sognouomoridicolo

(ALL  CHRISTIAN ,  21/11/2014 cfr. (http://www.allchristian.it/dinamico.asp?idsez=11&idssez=12&id=35)

 

Veramente  questo articolo è DUE VOLTE ridicolo: 1) prima perché dimostra di essere stato profondamente  colpito dalle verità espresse nel sito “verità sul  commissariamento”,  perché ad esse risponde risentito e stizzito come chi è stato colto  con “le mani nella marmellata”,  come chi è stato smascherato mentre voleva continuare a lavorare indisturbato;   2) SECONDO perché   ogni due righe accusa L’AUTORE dell’articolo “Istituzione  e carisma”  DI ESSERE ANONIMO, e poi lui, senza vergogna , è rigorosamente  ANONIMO!!  Una ciclopica CAVOLATA!.

Nella stessa linea  di falsità, l’anonimo di All Christian, si straccia le vesti  perché il sito (https://veritacommissariamentoffi.wordpress.com)  secondo i suoi occhi un po’ strabici sarebbe “un sito gestito da ignoti e dunque di valore ignoto, ossia nullo, perché ovviamente gli ignoti gestori inventano tutto ciò che vogliono”,  mentre poi un articolo come questo del 21/11/20214 che è gestito da ASSOLUTI IGNOTI, quindi – come loro stessi dicono – anche lui nullo, anche lui “ASSOLUTAMENTE FASULLO” (ma nullo soprattutto nei contenuti!) stranamente non gli fa per niente problema. Insomma “il bue chiama cornuto l’asino!”. E la stessa persona che poco dopo straparla di una presunta schizofrenia degli altri (dell’anonimo) senza avvedersi della  ……… loro.

 

— I  manelliani – come è nello stile del loro santone –  si autoglorificano da soli: prima ci sarebbe stato solo il paradiso terrestre, oggi, tutto sarebbe sbagliato! Direbbe Totò: “Ma mi faccia il piacere!  La gestione precedente era un incubo!!! E chi scrive oggi si lamenta solo perché gli sono state tolte le chiavi del campo di concentramento!

 

L’anonimo di All Christian, inoltre sembra una mente allucinata: prima afferma che l’anonimo di “Istituzione e carisma”…. “ rivela progetti e proposte fatte in alto loco”, poi afferma che questi progetti “lui sa bene che sono tutte cose ancora, per fortuna, campate in aria”. Come fa a saperlo? Ha la sfera di cristallo anche lui come manelli, oppure accede anche lui alle alte sfere? Insomma accusa l’altro delle sue stesse pretese!

 

— L’ignoranza dell’anonimo di All  Christian rasenta poi la stupidità in un altro passo. Critica l’anonimo perché cita Mons. Pozzo (Ecclesia Dei) quando afferma che “la Messa “tridentina” può essere vietata dall’autorità ecclesiastica”.  La S. Messa o è tridentina oppure è Novus Ordo può essere vietata dalla Chiesa: non fa differenza se è in latino o in italiano.

Infatti al di là della messa in italiano o della messa tridentina (non fa differenza), esiste UN RENDICONTO DI OGNI SACERDOTE E DI OGNI ISTITUTO RELIGIOSO ALLA SANTA SEDE PER LA FEDE, LA MORALE E LA DISCIPLINA, e su questi ambiti la Chiesa può decidere che fino a normalità ripristinata, la stessa celebrazione pubblica della S. Messa (in italiano o in latino, non fa differenza) o altri aspetti della vita sacerdotale o religiosa POSSONO ESSERE TEMPORANEAMENTE SOSPESI (cfr.  Can 1338, §2 “Non si può privare alcuno della potestà d’ordine, ma SOLTANTO PROIBIRE DI ESERCITARLA O DI ESERCITARE ALCUNI ATTI”). Mons. Emmanuel Milingo (il 10-3-2009) e Padre Tomislav Vlasic di Medjugorje (il 10-3-2009) che celebravano SOLO LA MESSA IN ITALIANO, per motivi gravi la Santa Sede li ha ridotti entrambi allo stato laicale e ha  proprio tolto loro la celebrazione della S. Messa. Nessuno in quei casi ha blaterato che si è andati contro il diritto universale e la legge naturale!

A Padre Pio hanno vietato la celebrazione pubblica della Messa PER UN PERIODO DI TEMPO eppure nessuno si è sognato di dire che la Chiesa non poteva adottare quel provvedimento!

 

—– Ma l’assurdità dell’anonimo di All  Christian tocca l’apice quando si mostra stizzito perché “l’Istituto si fregia del titolo “dell’Immacolata” e del voto mariano, nonostante le loro continue calunnie e persecuzioni contro P. Manelli, frati, suore, laici”.  Come se il voto mariano e addirittura il titolo  “dell’immacolata”  fossero UN MONOPOLIO ASSOLUTO DI MANELLI (non li ha neanche inventati lui!)  e come se manelli non fosse stato destituito insieme al suo consiglio generale e quindi sono tutti  decaduti.  Sveglia manelliani! Il commissariamento ha cambiato la classe dirigente (come era giusto e doveroso) non ha soppresso l’Istituto!

 

—–Sconcertante poi l’affermazione dell’anonimo di All Christian: “Addirittura l’anonimo si appella a P. Manelli perché convinca frati, suore e laici a non resistere al Commissario”.

Ciò che il  cripto-estensore di All Christian non capisce è che l’anonimo con cui interloquisce, ha detto invece una cosa giusta e sacrosanta:  “Perché Padre Manelli non ha mai preso le distanze dalle critiche al Papa, alla Congregazione per i Religiosi, al Commissario, ai suoi figli, in nome di chi credeva di difenderlo con mezzi immorali?”. Perché Manelli non ordina, almeno ai suoi manelliani, di smettere di infangare (attraverso articoli, siti internet e facebook, raccolte assurde di firme, e altre strampalate attività da lotta di classe) la Santa Sede, la Congregazione dei Religiosi, il Commissario, i visitatori apostolici, Padre Bruno, ecc.?  Forse perché è proprio manelli il mandante occulto o palese di tutte le azioni anti-ecclesiali e anti-commissariamento  fin ora messe in atto dai suoi manelliani?

 

—- L’anonimo di All Christian continua a inveire contro l’anonimo della verità sul commissariamento  farfugliando di presunti messaggi  minacciosi ed arroganti, quando lui  non ha fatto altro lungo tutto l’articolo che ingiuriare “l’anonimo e LA SUA BANDA”.
—–  Infine ricordiamo allo stizzito anonimo di All Christian che i vescovi devono agire nel rispetto dei provvedimenti della Santa Sede, non possono mettersi contro di essi, altrimenti si comporterebbero essi –  mi pare – grottescamente con arroganza, non è certo arrogante chi chiede loro di essere in linea con i provvedimenti della Santa Sede! I vescovi diocesani devono riconoscere e farsi carico della attuale situazione straordinaria dei manelliani e non agire come se essa non esistesse, arrecando ingiuria all’azione della Santa Sede.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: