La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » Arguelles, Arcivescovo di Lipa: Non tradire la storia. Salviamo la secolare scuola Balayan, la Chiesa e il Convento dell’Immacolata Concezione dalla distruzione

Arguelles, Arcivescovo di Lipa: Non tradire la storia. Salviamo la secolare scuola Balayan, la Chiesa e il Convento dell’Immacolata Concezione dalla distruzione

Balayan Church

A:
MOST REV. RAMON C. Arguelles, DD, Arcidiocesi di Lipa
Reverendissimo RAMON C. Arguelles, DD
Arcivescovo di Lipa dell’Arcidiocesi
Lipa City, Batangas

Eccellenza,

LA TERRA SANTA DA SECOLI DELLA VECCHIA CHIESA DI BALAYAN, Batangas

Cordiali saluti al nostro Protettore della Fede e della Chiesa!

I cittadini interessati di Balayan hanno ricevuto segnalazioni che la Chiesa Parrocchiale dell’ Immacolata Concezione di Balayan sta subendo mosse per commercializzare ulteriormente i locali della chiesa. Più in particolare, ad essere considerati per l’utilizzo come come negozio di alimentari sono: il convento, che ospita le suore, e l’edificio della scuola elementare dell’Immacolata Concepcion College.

Dopo ulteriori indagini, si capisce che l’arcidiocesi di Lipa intende utilizzare tutte le proprietà della Chiesa per il loro valore commerciale, al fine di generare reddito. Abbiamo raccolto così il dato che: nella seconda parte del mese di luglio 2013, un’ispezione a vista dei locali della Chiesa Balayan è stata avviata dalla Arcidiocesi di Lipa, insieme ad un incontro di valutazione con un selezionato gruppo di parrocchiani per valutare le reazioni alla proposta di monetizzare la Chiesa . Le proposte sono state offerte ad occupare il convento e la costruzione scolastica elementare, cosa che richiede alle suore di essere trasferite in un’altra area all’interno della proprietà. Sulla base del feedback che abbiamo ricevuto da detto gruppo, un numero significativo di partecipanti si è opposta a detto piano.

Inoltre, abbiamo cercato un pubblico contatto con il Parroco di Balayan, p Edgardo Pagcaliuangan, lo scorso 4 agosto 2013 per convalidare questi fatti e abbiamo ricevuto la conferma che ci sono attuali negoziati per cedere in locazione Convento ad una catena di supermercati.

Per il vostro riferimento, vorremmo un volontariato ripensamento in ordine a questi fatti e per il vostro ufficio di ri-prendere in considerazione una tale mossa:

1) La struttura della scuola / convento fu costruito nel 1744 e servì come la Casa Reale fino al 1752 durante il periodo coloniale spagnolo, Casa reale era noto per essere il Royal House (Casa del Tribunale) o la loro versione di un “Palazzo Comunale”. Dopo il 1752, è diventato il Convento della Chiesa Balayan e divenne l’Immacolata Concepcion Collegio nel 1935 ad oggi, 4 agosto 2013.

2) In origine l’area adiacente alla Chiesa. dove sorge anche il convento, era il vecchio “Kuta” un fortino costruito nel 1744, per proteggere la città di Balayan contro le incursioni dei pirati. Nel 1751, la Casa reale è stata costruita all’interno di questa fortezza; questa struttura in seguito divenne il Convento dell’Immacolata Concepcion College.

3) La Chiesa di Balayan porta una targa storica installata dall’allora Istituto Nazionale Storico (ora, Commissione Nazionale Storica delle Filippine – NHCP) l’8 dicembre 1986 con il pieno concorso della Chiesa. Ciò significa che la Chiesa stessa riconosce ufficialmente il valore storico della Chiesa e, logicamente, deve fare del suo meglio per preservarla non introducendo elementi che sono incompatibili con essa e che violino l’integrità storica della struttura marcata. E’ meglio che la Chiesa e l’Arcidiocesi di Lipa presenti all’istituto storico NHCP qualsiasi piano di sviluppo prima di introdurre eventuali modifiche o nuove strutture. (NHCP)

4) Ricordiamo ai funzionari della Chiesa di Balayan, che la Conferenza episcopale delle Filippine (Cbcp) ha un comitato per i Beni Culturali della Chiesa, presieduta da mons Julito B. Cortes. La Cbcp riconosce il valore storico e culturale delle sue strutture in tutto il paese. (NHCP)

Balayancollage (1)

Arcivescovo Arguelles, siamo disturbati da questo programma che è stato avviato dall’Arcidiocesi di Lipa. In verità comprendiamo la necessità di generare dei ricavi, ma riteniamo che ciò non dovrebbe essere raggiunto a discapito del patrimonio storico e con lo sconsacrare le nostre strutture ecclesiastiche.

Abbiamo combattuto contro l’inserimento del McDonalds per preservare la Chiesa all’inizio del 2001, ma abbiamo scoperto che era troppo tardi. Non vogliamo, che questo accada di nuovo ora. Il caso di McDonalds non deve essere utilizzato come modello per mercantilismo all’interno della chiesa, come fino ad oggi, non siamo d’accordo con la sua esistenza continuata nel parco della chiesa.

Protestiamo in termini molto forti, perché la scuola deve rimanere operativa e non commerciale all’interno della proprietà della Chiesa.

Il Convento e la struttura del patrimonio della Scuola dovrebbero rimanere come istituzione educativa, per proteggere e preservare le poche vestigia della nostra città antica e storica. Noi, i cittadini impegnati di Balayan, non vogliamo vedere i resti della nostra storia persi nella giungla di mercantilismo.

Arcivescovo Arguelles, con tutto il rispetto e santo fervore, vi chiediamo di considerare la nostra protesta e di essere tutt’uno con la gente del Balayan nella conservazione di Storia e patrimonio e la santità dei nostri terreni della Chiesa.

Cordiali saluti al servizio di Dio e dell’uomo,
LA FONDAZIONE LOPEZ di Balayan

pizap.com13833562687892

Da ABS-CBN News
MANILA – Lipa Arcivescovo Ramon Arguelles ha negato le accuse che la sua arcidiocesi sta sostenendo sulla locazione di una porzione di una chiesa patrimonio per scopi commerciali.

La Conferenza Episcopale delle Filippine (Cbcp) ha citato Arguelles, richiedendo una relazione perché non esiste una verità sui rapporti e sul fatto che una parte della Chiesa Parrocchiale dell’Immacolata Concezione della città Balayan sarà affittato ad una catena di supermercati.

Il prelato ha ammesso che un tale piano è stato effettivamente considerato dall’amministratore finanza arcidiocesano, ma fu poi demolito dopo che “innescato una raffica di risposte arrabbiati.”

Arguelles ha detto che il piano ancora ha attirato le ire dei critici, anche se ha già chiesto all’amministratore di finanza per mantenere mamma su di esso.

Originale http://www.equalizerpost.com/2013/11/pinoy-bishops-cbcp-repent-and-listen-to.html

 FIRMA LA PETIZIONE 

Annunci

2 commenti

  1. laiciffi ha detto:

    Caro Leopoldo Castiglioni, legga meglio. La battaglia contro il McDonalds è già una battaglia persa, la lettera lo dice piuttosto chiaramente. Ed un negozio McDonalds campeggia già all’interno del complesso dell’Istituto dell’Immacolata Concezione di Bayan nelle Filippine. Se a questo vescovo fosse affidata la Basilica Patriarcale di Santa Maria Maggiore a Roma, pur di fare soldi, affitterebbe la Sagrestia a Burghy con la scusa di rifocillare i fedeli.

    Mi piace

  2. […] disponibilità di accoglienza a qualche chierico FFI “transfugo”, si annovera il problematico Mons. Ramon Arguelles delle Filippine, del quale hanno molto parlato i blog […]

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: