La verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata

Home » Generale » IL SOLITO PUBBLICISTA DE MATTEI

IL SOLITO PUBBLICISTA DE MATTEI

Il solito fogliettino on line di De Mattei, ha pubblicato la solita bufala settimanale sugli FI. Ecco il link per leggere il testo.

COMMENTO
Ma quale liquidazione del diritto! Il diritto l’hanno liquidato quei frati manelliani che se ne vanno in giro dove vogliono e quando vogliono, assentandosi a loro arbitrio, senza chiedere a nessuno e senza dar conto a nessuno e senza farsi autorizzare, come è loro dovere, per le loro fughe dimostrando ancora una volta di seguire un tipo di obbedienza modernista che sceglie di volta in volta a chi obbedire a seconda delle convenienze individuali.
Il Commissario ha solo preso un provvedimento per arginare scorrettezze e disonestà di comportamento dimostrato da certi frati, con i loro allontanamenti selvaggi e fuori ordinanza. Il provvedimento è quindi solo una risposta ad hoc verso questi abusi per impedire che si ripetano. Nessun significato dunque presunto universale come insinuato dall’articolista.
Si vuole un’altra prova della disonestà dei manelliani? Chi ha trasmesso abusivamente questo documento all’articolista? Se questa è una nota solo per le case di ogni Istituto FI e non è ancora stata pubblicata sul sito ufficiale degli FI, chi l’ha inviata clandestinamente a De Mattei o al suo articolista?
L’articolista di De Mattei e De Mattei stesso, si sono presi la briga di informarsi di quali e di che tipo di abusi il provvedimento vuole impedire la reiterazione? Non si prendono forse provvedimenti simili in qualsiasi ambito o realtà dove si manifestano abusi rispetto alle regole condivise quando esse vengono infrante? E allora dov’è il problema? L’articolista di De Mattei e De Mattei stesso, forse sono interessati solo a difendere le scorrettezze e le disonestà di questi manelliani perché le condividono? De Mattei e il suo articolista – in conformità alla natura ideologica dell’attività sediziosa del barone (ben evidenziata da padre Angelo Geiger) hanno lo scopo preciso di aizzare e fomentare la rivolta e la disobbedienza alle legittime autorità, imbastendo una narrazione dei fatti surreale e fittizia. In questo modo, De Mattei e il suo articolista, introducono loro e promuovono quello spirito rivoluzionario che, a parole, ma solo a parole, vorrebbero combattere. Si tratta di un provvedimento di sola disciplina interna che non ha nessun significato estraneo o esterno ad una semplice ricomposizione del normale ordine interno di un Istituto, norma che sta dentro il voto di obbedienza di ogni religioso e in più anche dentro il voto mariano di quest’Istituto. Il solito strumentale polverone di De Mattei, innescato, forse, proprio da quei frati, che di quelle scorrettezze si sono resi protagonisti e che vogliono continuare a praticare quelle disonestà. Il Papa ha nominato il Commissario, obbediscano al Commissario. Il resto sono solo chiacchiere o calunnie.

Riccardo Piccarreta

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: